.
Annunci online

  Marlowe [ Bisogna essere duri, senza mai perdere la tenerezza ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


*** Dal quotidiano al Blog
Oiraid
Olaf
Pantarei

*** Dal blog al quotidiano
Zoffoli
Miele
Fetish
Jacopo

Chinaski
Babele
Fenice
Heinee
BluesBlogger
MadridMatilde
Bacco
*** Da leggere
Kesho
Latifah
Daniwhynot
Bombay
Napolino
Bartleby
*** Musica
Vecchioni
De Andrè
Guccini
Madredeus

*** Masochismi
Inter


Rick's Café

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


23 gennaio 2004

One

Questa mattina, in auto.


Is it getting better
Or do you feel the same
Will it make it easier on you
Now you got someone to blame

You say
One love
One life
When it`s one need
In the night

It's one love
We get to share it
It leaves you baby
If you don`t care for it

Did I disappoint you?
Or leave a bad taste in your mouth?
You act like you never had love
And you want me to go without

Well it`s too late
Tonight
To drag the past out
Into the light
We`re one
But we`re not the same
We get to carry each other
Carry each other

One

Have you come here for forgiveness
Have you come to raise the dead
Have you come here to play Jesus
To the lepers in your head

Did I ask too much
More than a lot
You gave me nothing
Now it`s all I got

We`re one
But we`re not the same
We hurt each other
Then we do it again

You say
Love is a temple
Love a higher love
Love is a temple
Love the higher law
You ask me to enter
But then you make me crawl
And I can`t be holding on
To what you got
When all you got is hurt

One love
One blood
One life
You got to do what you should

One life
With each other
Sisters
Brothers

One life
But we`re not the same
We get to carry each other
Carry each other

One

One




permalink | inviato da il 23/1/2004 alle 8:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 gennaio 2004

Gelato al limon

Paolo Conte ha un dono: sa leggere l'epica del quotidiano, talvolta addirittura del dozzinale. Le vite degli uomini (e delle donne) di Conte non sono vite straordinarie, le loro avventure sono le avventure che nascono a volte sotto casa, a volte all'angolo della strada. Gli uomini hanno sempre un po' le spalle chine, stanche, sembra che una luce brilli soltanto quando passa quella donna, magari con la spesa in mano, oppure alla fermata dell'autobus. In queste vite non c'è posto per i per sempre, per le grandi imprese: si va così alla conquista di territori inesplorati offrendo in cambio perline colorate, spettacoli di arte varia, intelligenza da elettricisti. Non c'è spazio per cavalli bianchi, eroismi, grandi battaglie, ma il coraggio di dare tutto quando si ha poco.


Gelato al Limon, poi, con quella scena quasi cinematografica nella quale si può indovinare lei, sulla porta, un vestito da pochi soldi, lo sguardo un po' perso e preoccupato, pensieri che si rincorrono. Valige piene di perplessità, voci della tua città: non c'è fuga, non ci sono praterie, ma il dono di quello che un uomo può dare, la stretta forte della mia mano, un accenno di vittoria, per te donna che non mi scappi più. E quella passione che non brucia, ma scioglie, come un gelato al limone, dimenticato sul tavolo di un bar. Il sole che vince sul ghiaccio.


Non avere paura che sia già finita, ancora tante cose quest'uomo ti darà.


Vedi Pandora, Marlowe fa quello che può per vivere, annaspa, inciampa. Sbaglia, soprattutto, ma fa del suo meglio ed ha imparato, a proprie spese, che le cose non vanno mai come si vorrebbe. Ora sono io, sulla porta, con la valigia piena di perplessità e perline colorate. Sono tutto lì, dentro quella valigia, in fondo non ero poi molto.




permalink | inviato da il 18/1/2004 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


13 gennaio 2004

Spettacolo di arte varia

In sala, a casa mia, ci sono due torri porta CD, alte circa un metro e mezzo, a sinistra gli stranieri, a destra gli italiani. Altri CD sono nello studio, un'altra torre, qui ci stanno quelli masterizzati, la classica, il jazz, anche se altri dischi di jazz e blues si trovano nel mobile, sempre in sala. Compro Cd dal 1987, allora mi regalarono un lettore Philips portatile e cominciai la raccolta. Ora sono circa 250, quelli originali, una ventina i masterizzati, perchè mi infastidiscono i difetti insiti nella registrazione casalinga.


Nella mia musica c'è un po' di tutto, sono un onnivoro con pochi limiti (non reggo il metal, non comprerei mai un disco di rap o hip hop anche se qualche pezzo mi piace). Nel tempo, oltre alla polvere, sui miei dischi si sono sedimentate le emozioni, i ricordi. Così mi capita di scegliere la colonna sonora della giornata in base a come mi sento, a cosa provo in quel momento. Per l'ottimo umore, c'è New Year's Day degli U2 oppure Alive & Kicking e Sanctify Yourself dei Simple Minds. Altra cosa è quando metto su l'Avvelenata o Canzone di notte n.2 di Guccini, allora vuol dire che sono combattivo, carico di energia, non sempre positiva. Se rifletto su me stesso, Vecchioni, of course: Per amore mio quando so di aver combinato qualcosa, Dentro gli occhi o Robinson quando penso al tempo che è passato, Sestri Levante quando penso alle donne che sono andate via. Sempre per i pensieri femminili, ci sono Souvenir, Ligabue, Via con me  o Gelato al limon di Paolo Conte, One, U2, e Don't You (forget about me), Simple Minds. La sensualità, il desiderio, Boogie, ancora Conte, e Ho perso le parole del Liga.


Poi, c'è la musica della solitudine, del silenzio, quella che per ascoltarla devo essere da solo con un libro, magari nella penombra, una luce che illumina le pagine: Kohln Concert, Keith Jarrett, oppure la voce meravigliosa di Teresa Salgueiro dei Madredeus, soprattutto nel live Oporto, musica che sa di mare, partenze e ritorni.


Ci sono poi tutti gli altri dischi, quelli che non portano ricordi e che sono solo momenti, curiosità, e ci puoi trovare di tutto. In fondo, rispecchiano me stesso, il mio spettacolo di arte varia.




permalink | inviato da il 13/1/2004 alle 8:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

sfoglia     ottobre       

Marloweblog@gmail.com

I Libri :

Dell'amore e altri demoni, G.Garcia Marquez

L'amore ai tempi del colera, G.Garcia Marquez

Amori Ridicoli, Milan Kundera

Il valzer degli addii, Milan Kundera

La musica :

The melody at night, with you, Keith Jarrett

Oporto, Madredeus

Sestri Levante, Roberto Vecchioni

Dentro gli occhi, Roberto Vecchioni

Canto notturno (di un pastore errante dell'aria), Roberto Vecchioni

Stagioni, Francesco Guccini

I Luoghi :

Tulum (Messico)

San Pietroburgo (Russia)

Siena